in:

Almeno 25 colpi, 11 dei quali messi a segno a Modena ma anche la provincia di Bologna non era stata risparmiata

Almeno 25 colpi, 11 dei quali messi a segno a Modena ma anche la provincia di Bologna non era stata risparmiata. Bar, tabaccherie, supermercati, ovunque pur di poter mettere le mani sul loro bottino prediletto: stecche di sigarette e soprattutto gratta e vinci per i quali esiste un florido mercato nero. I carabinieri hanno chiuso il cerchio su una banda organizzata di rumeni composta da sette persone tra i 20 e 44 anni. Ieri l’ultimo componente della gang è stato arrestato in Romania dove si era rifugiato insieme ad un complice fermato nella primavera scorsa. Tra gli obiettivi del gruppo il bar tabaccheria di Portile, due tabaccherie a Campogalliano e il caffè Blanco a Modena, quest’ultimo preso di mira più volte. Velocissimi e organizzati aprivano le saracinesche con un flessibile sfruttando la corrente dei pali della luce, poi cominciavano la razzia. L’unica donna del gruppo faceva da taxista, attendeva nei pressi dell’autostrada per ripartire verso Milano dove avevano la base logistica. Ad incastrarli intercettazioni telefoniche, pedinamenti e telecamere delle autostrade. Oltre al furto aggravato, ai sette rumeni viene anche contestata l’associazione a delinquere.


Riproduzione riservata © 2018 TRC