in:

Si fingevano fisioterapisti per rapinare donne anziane. Una coppia di conviventi di origine sinti, di 36 e 32 anni è stata arrestata

Si fingevano fisioterapisti per rapinare donne anziane. Una coppia di conviventi di origine sinti, di 36 e 32 anni è stata arrestata dai carabinieri di Correggio (in provincia di Reggio Emilia) in esecuzione di una misura cautelare emessa dalla procura di Reggio. I due si trovano ora agli arresti domiciliari accusati di rapina impropria, lesioni e furto con strappo. Fondamentali sarebbero stati i riscontri delle immagini di videosorveglianza. Il primo episodio si era verificato in aprile a Correggio. I due giovani, a bordo di un’auto bianca si erano avvicinati all’abitazione di una 82enne con la scusa di essere fisioterapisti chiamati dal figlio. Davanti alle esitazioni della donna il 36enne aveva strappato la collana d’oro che l’anziana aveva al collo per poi fuggire sull’auto in cui lo aspettava la complice. La vittima, nel tentativo di recuperare la collana si era aggrappata alla portiera dell’auto ed era stata trascinata sull’asfalto, riportando escoriazioni per una prognosi di 25 giorni. Un secondo episodio, con le stesse modalità e sempre a Correggio, era successo a metà giugno. Vittima sempre un’anziana: in quel caso però a strappare la collana era stata la finta fisioterapista di 32 anni. Ora i due, ufficialmente nullafacenti, si trovano ai domiciliari nella loro residenza di Reggio Emilia; le indagini dei carabinieri proseguono per capire se possano essere i responsabili di altri casi simili avvenuti del reggiano. Lo riferisce l’Ansa.


Riproduzione riservata © 2018 TRC