in:

Assunta come badante voleva diventare moglie dell’anziano assistito. Per questo ha allontanato da casa i figli dell’assistito e aggredito l’ex moglie

Assunta come badante voleva diventare moglie dell’anziano assistito. Per raggiungere il suo non certo disinteressato sogno d’amore la donna non ha esitato dapprima a cercare un’intimità con l’anziano, poi ha tentato di allontanare i suoi congiunti (figli compresi) arrivando perfino ad usare violenza nei confronti dell’ex moglie. Ma proprio quest’ultima ha scoperto i piani della diabolica badante e ha chiesto aiuto ai carabinieri. I militari di Rubiera, a cui la donna si è rivolta, hanno quindi avviato le indagini finite con una denuncia nei confronti della badante 33enne ucrainache dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia o verso conviventi. Secondo quanto ricostruito dai militari la badante, che da circa due anni era stata assunta per accudire l’anziano 80enne reggiano, nell’ultimo periodo, probabilmente animata da interessi economici a seguito della vendita di un’attività commerciale conclusa dall’anziano che assisteva, aveva cambiato condotta. Inizialmente avrebbe tentato di cercare di aver un rapporto più intimo con l’assistito, poi ha cercato di allontanare i parenti, ritenuti ostacoli al suo progetto. Quando l’ex moglie, chiamata dal pensionato con il quale nonostante la separazione era in buoni rapporti, si è presentata a casa dell’uomo per fargli visita, la badante ha aggredito la signora , invitandola in malo modo ad andare via da quella che era casa sua manifestando l’intenzione di sposare l’uomo. L’ex moglie è finita inn ospedale, e subito dopo in caserma per raccontare quanto accadeva. I carabinieri hanno anche ravvisato ipotesi di maltrattamenti posti in essere dalla badante, avvezza all’uso smodato d bevande alcoliche, nei confronti dell’uomo. La giovane, ora allontanata dall’abitazione dell’anziano, è stata denunciata. Foto di repertorio.


Riproduzione riservata © 2018 TRC