in:

La procura valuta se contestare agli autori anche l’aggravante di odio razziale. L’assessore alla sicurezza Giovanni Gargano: “Il comune potrebbe costituirsi parte civile”

Spari a Castelfranco, la procura potrebbe contestare agli autori anche l’aggravante di odio razziale, reato per cui il procuratore capo Lucia Musti ha emesso l’ordine di servizio di massima attenzione e predisposto un sistema di indagini con corsie preferenziali. I carabinieri hanno denunciato un 23enne di Castelfranco, che avrebbe materialmente sparato i piombini, e un 21enne di San Cesario, alla guida dell’auto: entrambe avrebbero esultato con frasi razziste, mentre il pakistano colpito è stato medicato con una prognosi di 14 giorni

Il partito democratico plaude alle forze dell’ordine che in poche ore hanno individuato gli autori del gesto e condanna il clima di istigazione alla violenza e all’odio cavalcato da alcune forze politiche per tornaconto elettorale. “Non ci sono scontri di civiltà né invasioni” sostiene il Pd di Castelfranco che dice basta alle esternazioni politiche che incitano alla paura e all’odio.


Riproduzione riservata © 2018 TRC