in:

Ore 7.30, Parco della Montagnola. Al via il nuovo piano per la sicurezza, contro spaccio e degrado coordinato dalla Prefettura, in campo anche i militari dell’Esercito.

Ore 7.30, Parco della Montagnola. Al via il nuovo piano per la sicurezza, contro spaccio e degrado coordinato dalla Prefettura, in campo anche i militari dell’Esercito. Presidio di Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza a ogni varco di accesso, unità cinofile della Questura e della Municipale che hanno controllato cespugli e porzioni del parco. Alcuni stranieri, all’arrivo degli agenti anche del Reparto Mobile, pochi minuti dopo le 8, sono stati identificati e controllati, passati al setaccio anche bivacchi dove alcuni hanno trascorso la notte. Materassi di fortuna sono stati scoperti anche su un albero o nacosti vicino alla recinzione esterna. Polizia di Stato a controllo dei due varchi in via Indipendeza, di fronte a Piazza VIII Agosto. Procedure di identificazione anche da parte dei militari dell’Arma che erano a presidio dell’accesso dalla scalinata del Pincio, su via Indipendenza, e di quello in via del Pallone. Due Carabinieri e due agenti della Municipale hanno infomato, delle operazioni in atto, i genitori delle scuole Giaccaglia-Betti che hanno accompagnato i bambini a scuola. Come annunciato, anche l’Esercito sarà impegnato nel controllo della Montagnola sempre affiancato da polizia di Stato e Carabinieri. Secondo quanto si è appreso, dovrebbero svolgersi due turni di presidio, in cui le forze dell’ordine saranno alternate: dalle 8 alle 14 e dalle 14 alle 20. Un sistema che potrà anche essere rimodulato in base alle esigenze.


Riproduzione riservata © 2018 TRC