in:

Non voleva allontanarsi dalla casa della compagna e all’arrivo dei carabinieri ha dato in escandescenze

I Carabinieri di Vergato (Bologna) hanno arrestato un ventisettenne italiano per violenza privata, danneggiamento, resistenza e lesioni a un pubblico ufficiale. E’ successo domenica notte, quando una donna ha telefonato al 112 perché non riusciva ad allontanare dalla propria abitazione il suo compagno con cui aveva avuto una discussione. Nonostante la telefonata ai Carabinieri e l’invito ad andarsene, il giovane, nato ad Aversa e residente a Forlì, decideva di restare, contro ogni volontà della donna, preoccupata soprattutto per l’incolumità di un figlio minorenne. All’arrivo dei Carabinieri, il ventisettenne si è agitato e ha iniziato a danneggiare gli immobili dell’abitazione, ignorando completamente i militari che lo stavano invitando a calmarsi e a ragionare. Soltanto con l’arrivo di un’altra pattuglia dei Carabinieri, il ventisettenne è stato immobilizzato. Durante le fasi dell’arresto, un Carabiniere è stato aggredito dal giovane che gli ha procurato un trauma alla mano. Il militare, soccorso dai sanitari del 118, è stato dimesso con una prognosi di quindici giorni. In sede di Giudizio direttissimo, l’arresto è stato convalidato e il giovane casertano è stato rimesso in libertà, con il Divieto di dimora nel Comune di Vergato, in attesa dell’udienza, posticipata a seguito della richiesta dei “termini a difesa.”


Riproduzione riservata © 2018 TRC