in:

L’incendio è stato appiccato da una donna che è stata arrestata

E’ rimasta solo la carcassa dell’auto data alle fiamme in una palazzina di via Vandelli a Gorzano nel Comune di Maranello. Il bilancio però poteva essere ben più grave visto che accanto alla vettura c’erano tre bombole a gpl, per uso domestico, che hanno rischiato di esplodere. Ad appiccare le fiamme, dopo una lite con il padre, è stata una donna di 52 anni che è stata arrestata dai carabinieri. Decisivo il pronto intervento dei vigili del fuoco che hanno isolato l’area, spento le fiamme e recuperato le bombole evitando quella che poteva essere una tragedia.
Paura tra i residenti. In quel momento, alle 11,30 del mattino, nella palazzina c’erano 7 persone, tra cui 2 bambini.
Secondo alcuni testimoni la donna, che abita nella palazzina con i genitori anziani, ha litigato con il padre in cortile, dopo di che si è recata nel garage dove ha trovato del liquido infiammabile che ha usato per appiccare il rogo. Dopo l’intervento del fuoco e dei carabinieri la 52enne è stata accompagnata in caserma dove ha confessato e quindi trasferita direttamente nel carcere di Sant’Anna. La palazzina invece ha riportato gravi danni dall’incendio, il garage è andato completamente distrutto e il primo piano, sempre di proprietà del padre della donna è stato dichiarato inagibile.


Riproduzione riservata © 2019 TRC