in:

I Carabinieri di Imola hanno arrestato ieri un trentenne albanese, per maltrattamenti in famiglia

I Carabinieri di Imola hanno arrestato ieri un trentenne albanese, per maltrattamenti in famiglia. I militari erano intervenuti poiché la Centrale Operativa aveva ricevuto una richiesta d’aiuto da una donna successivamente identifica in una 34enne russa, moglie del 30enne albanese arrestato. A causa di precedenti episodi di minacce e violenze la donna da circa una settimana si era trasferita con i due figli minori presso l’abitazione di un’amica. Il marito si era presentato lì, dando vita ad un nuovo episodio violento. Anche alla presenza dei carabinieri l’uomo reiterava le minacce nei confronti della moglie e dell’amica, prospettando di voler utilizzare contro di loro anche un’arma da fuoco, che asseritamente deteneva presso la sua abitazione. I successivi accertamenti consentivano di verificare che sin dal 2012 la donna aveva denunciato le violenze del marito. Inoltre presso l’abitazione dell’uomo venivano rinvenute e sequestrate una pistola ed un fucile, entrambe armi ad aria compressa. In sede di convalidava dell’arresto, l’uomo è stato rimesso in libertà ma con la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla moglie, imponendogli l’obbligo di mantenere una distanza minima di 200 metri.


Riproduzione riservata © 2019 TRC