in:

L’episodio è accaduto nell’ aprile scorso ma è emerso solo ora dopo che la polizia ha rintracciato la simcard del cellulare rubato ad una delle ragazze

Schiaffeggiate, gettate a terra e rapinate del cellulare. Vittime della violenta aggressione due ragazze di 21 e 22 anni. L’episodio risale all’aprile scorso ma è venuto alla luce solo ora dopo che la polizia ha rintracciato la sim card del telefono a casa di un marocchino di 34 anni. L’uomo, che ha diversi precedenti, è stato denunciato per ricettazione ma secondo gli agenti non sarebbe lui l’autore della rapina. Il 16 aprile scorso le due amiche erano sedute su una panchina di piazzale Tienanmen. Erano circa le 23. Improvvisamente un individuo ha cercato di strappare lo zaino ad una di loro prendendola a schiaffi, l’amica ha reagito ma è stata gettata a terra. Il complice nel frattempo è riuscito sfilare il cellulare e scappare. Sul posto sono arrivate un’ambulanza del 118 e le volanti della polizia che ora stanno cercando di risalire ai due balordi e al telefono di una delle vittime che nel frattempo è passato di mano. Forze dell’ordine sul campo per arginare furti rapine e spaccio di droga. In un controllo straordinario che ha interessato proprio piazzale Tienanmen, il Novi Sad e la zona Tempio e la stazione dei treni gli agenti hanno controllato 42 persone, 19 delle quali risultate pregiudicate, tre di loro provenienti da Senegal e Gambia sono stati denunciati per inosservanza delle norme di soggiorno in Italia mentre un magrebino è finito nei guai dopo essere stato trovato con 10 grammi di hashish


Riproduzione riservata © 2018 TRC