in:

In un appartamento che risultava sfitto, e in attesa di una nuova assegnazione, vi erano due persone

Qualche giorno fa, a seguito di una segnalazione ricevuta, agenti della Polizia Municipale di Imola si sono recati, insieme ai tecnici dell’Acer (società che gestisce gli alloggi di proprietà pubblica), nella palazzina in via Cenni 10, dove sono presenti alloggi di edilizia residenziale pubblica. Giunti sul posto, gli agenti hanno accertato che all’interno di un appartamento che risultava sfitto, e in attesa di una nuova assegnazione, vi erano due persone, un uomo di nazionalità albanese di 28 anni ed una donna di nazionalità cubana di 19 anni. I due si erano introdotti nell’appartamento danneggiando la porta di ingresso e lì avevano portato alcuni effetti personali, occupando abusivamente l’alloggio e trasformandolo nella loro dimora.
La Polizia Municipale ha provveduto allo sgombero dell’appartamento, riaffidando l’alloggio ad Acer. Le due persone sono state quindi denunciate a piede libero in attesa di giudizio per occupazione abusiva di edifici pubblici. L’uomo, in possesso di un passaporto, e la donna, sprovvista di documenti di identità, sono stati quindi accompagnati al locale Commissariato di polizia per svolgere tutte le operazioni necessarie alla loro certa identificazione ed alla verifica della regolarità della loro presenza sul territorio italiano. A seguito dei controlli eseguiti è stato accertato che i due, di fatto senza fissa dimora e gravati di altri precedenti penali, si trovavano irregolarmente sul territorio italiano. Nei confronti dell’uomo e della donna, quindi, la Prefettura di Bologna ha emesso un ordine di espulsione dal territorio nazionale.


Riproduzione riservata © 2018 TRC