in:

E’ quanto accaduto ad un giovane tunisino che ha però denunciato il fatto alla polizia facendo così’ arrestare l’autore della minaccia. Si tratta di un pregiudicato albanese di 44 anni

Una rivoltella puntata alla testa “dammi i soldi o ti ammazzo”. E’ quanto è successo ad un giovane tunisino sequestrato e minacciato da un pregiudicato albanese a causa di un debito di 800 ero. Gli uomini della squadra mobile e della volante sono riusciti però a mettere le manette ad un albanese di 44 anni, pregiudicato. E’ accaduto a Modena ieri pomeriggio. Una sequenza di terrore cominciata al bar Sassi dove l’albanese ha raggiunto il suo creditore. L’uomo ha denunciato il tutto alla polizia che, anche grazie ai social è riuscita a rintracciare l’albanese e a raggiungerlo nella casa dove abita la sua compagna, in via Guarini a Modena. Nel garage la polizia ha trovato anche alcune dosi di cocaina già confezionate per la vendita, inserite in un cellulare a cui era stata tolta la batteria, e 370 euro in contanti. L’albanese risulta clandestino e pregiudicato. Sulle sue spalle numerosi reati tra i quali favoreggiamento della prostituzione


Riproduzione riservata © 2018 TRC