in:

La carpigiana Antonella Barbieri, la 39enne accusata di aver ucciso i due figlioletti lo scorso 7 dicembre a Luzzara, si trova in una struttura sanitaria

Da circa due settimane la carpigiana Antonella Barbieri, la 39enne accusata di aver ucciso i due figlioletti lo scorso 7 dicembre a Luzzara, si trova nella struttura sanitaria di Castiglione delle Stiviere. Una decisione presa dal giudice di Mantova dopo i risultati di una consulenza eseguita sulla donna.
“E’ consapevole del trasferimento, sa di essere sottoposta a una terapia. Sui fatti, da parte della mia assistita, c’è chiusura, una conseguenza emotiva che in generale può succedere dopo traumi di questo tipo. Ma non aggiungo altro” dice l’avvocato Federica Ghesini. Dallo scorso dicembre il legale assiste Antonella Barbieri, la 39enne originaria di Carpi che da una quindicina di giorni si trova nella struttura psichiatrica di sicurezza di Castiglione delle Stiviere e che esattamente 7 mesi fa uccise – questa è l’accusa – la figlia Kim, di 2 anni, soffocata con un cuscino nella sua casa di Suzzara, e poi il primogenito Lorenzo, 5 anni, caricato in auto, portato nella golena del Po a Luzzara, ferito a morte con un coltello. Lì, in territorio reggiano, il mezzo, con a bordo la donna, che aveva tentato di togliersi la vita, e il piccolo per cui non c’era più nulla da fare, venne trovato nel tardo pomeriggio del 7 dicembre. Antonella venne portata in ospedale a Reggio e per qualche giorno rifiutò le cure. Davanti al gip si avvalse della facoltà di non rispondere. Il 19 dicembre il trasferimento in una struttura carceraria, ora l’approdo a Castiglione delle Stiviere. Una decisione del tribunale di Mantova, la cui procura nel frattempo ha acquisito la pratica per competenza territoriale. Una decisione presa in seguito ai risultati di una consulenza chiesta dal pm sulle condizioni della donna. Tante cose rimangono da capire: in particolare come stesse Antonella prima del doppio infanticidio e se ci siano state delle omissioni rispetto alle cure cui sottoporre la 39enne, aiuti che avrebbero potuto supportarla meglio. Indagato, da prassi, il marito Andrea Benatti, distrutto dal dolore. Una coppia bellissima: lei ex fotomodella, lui ex giocatore di Rugby di Viadana. Sui social network le foto di una famiglia che non c’è più. (Articolo di Margherita Grassi, Telereggio)


Riproduzione riservata © 2018 TRC