in:

Matteo affrontava la vita con il sorriso sulle labbra, come si vede nell’ultima intervista rilasciata a Trc: domani i funerali a Spilamberto

Matteo affrontava la vita con il sorriso sulle labbra e la luce negli occhi, soprattutto quando sospeso su una corda camminava sul baratro. Matteo era maniaco del sicurezza dice chi lo conosceva bene. Eppure proprio una dimenticanza sembra essere stata all’origine della tragedia sulle montagne del veronese dove Matteo è precipitato nel vuoto per 200 metri. Il ragazzo secondo gli accertamenti dei carabinieri si sarebbe dimenticato di agganciarsi al cavo di sicurezza che lega l’imbragatura alla fettuccia, com’è chiamata la corda usata per lo slackline, un errore fatale.
Domani, a Spilamberto, dove ha vissuto fico a poco tempo fa e dove vive la sua famiglia, si terranno i funerali. Le esequie avranno luogo alle 15.30 nella Chiesa di San Giovanni. Pancaldi, 28 anni, si era trasferito a Bologna per seguire la sua passione.


Riproduzione riservata © 2018 TRC