in:

Accusato di truffa e falso. Avrebbe detto ad un collega di dover acquisire informazioni

Un appuntato dei carabinieri è indagato a Ravenna per truffa e falso ideologico commesso da
pubblico ufficiale per aver portato in caserma di notte due donne, con una delle quali avrebbe avuto un rapporto sessuale. I fatti risalgono all’11 gennaio e il militare nel frattempo è stato trasferito. La donna, conosciuta poco prima in un bar, aveva denunciato il carabiniere per violenza sessuale, ipotesi esclusa dalle indagini e dalle dichiarazioni dell’altra ragazza: il rapporto sarebbe stato consensuale. All’indagato, 48 anni, viene però contestato di essersi segnato un’ora di straordinario, da mezzanotte all’una, e di aver ‘ingannato’ il piantone,
dicendogli di aver la necessità e l’urgenza di far entrare le donne al comando di viale Pertini per acquisire da loro preziose informazioni.


Riproduzione riservata © 2018 TRC