in:

Questa volta è successo nel tratto stradale fra Modena e Campogalliano, attorno alle 13.00: il mezzo era fortunatamente vuoto

Ancora un autobus di Seta in fiamme. Un triste copione che si ripete e che ogni volta lascia dietro di sé preoccupazione e polemiche.
Erano circa le 13 quando un mezzo extraurbano che stava facendo rientro in deposito, dunque fortunatamente senza passeggeri a bordo, ha improvvisamente preso fuoco mentre percorreva strada Campogalliano in direzione Modena. Giunto all’altezza del sottopasso della linea ferroviaria, l’autista si è accorto delle sprigionarsi delle fiamme ed ha parcheggiato il bus a lato della strada, provando ad estinguere l’incendio con l’estintore di bordo, purtroppo senza esito. Sul posto poco dopo i vigili del fuoco che hanno poi domato le fiamme. L’autobus, un Solaris modello Urbino immatricolato a dicembre 2007, è andato completamente distrutto.
Si tratta del quarto caso nell’ultimo mese, l’ultimo ma solo in ordine di tempo lo scorso 26 aprile in via Vignolese, quando sul mezzo Seta c’erano alcuni passeggeri.
Tornando al bus di oggi Seta in una nota scrive che dal mese di ottobre 2016 era stato affidato a Saca/Concordtours, che da quel momento ne ha curato la manutenzione. Dalla scheda tecnica risulta però che era stato sottoposto regolarmente al programma di manutenzione ordinaria prevista, ed aveva superato l’obbligatoria revisione annuale. Seta effettuerà le opportune indagini interne e le verifiche tecniche necessarie ad individuare le cause dell’incendio. Sul fatto interviene la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Giulia Gibertoni “evidentemente c’è qualcosa che non va. Chiediamo formalmente all’assessore Donini di avviare un’attenta indagine su quello che sta succedendo”. “Aveva percorso tra i 500 e 700 mila km” – scrive Fit Cisl in una nota, esprimendo forte preoccupazione per il quarto incendio nel giro di poche settimane. Viene il sospetto che il bilancio economico 2017 sia in attivo non solo grazie agli scioperi, ma perché si risparmia sulla manutenzione”.

 


Riproduzione riservata © 2018 TRC