in:

Ieri mattina è arrivata la chiamata di un sedicente avvocato, che ha chiesto 4.500 per tirare fuori dai guai il figlio, coinvolto in un sinistro senza assicurazione

Una coppia che abita in zona Arcoveggio, periferia di Bologna, è stata raggirata e derubata
con l’espediente del ‘finto’ incidente stradale del figlio. Al telefono fisso dei coniugi – lui 73 e lei 71 anni – ieri mattina è arrivata la chiamata di un sedicente avvocato, che ha chiesto 4.500 per tirare fuori dai guai il figlio, coinvolto in un sinistro senza assicurazione. La donna ha spiegato di non avere quei soldi disponibili, ma solo alcuni gioielli. Poco dopo alla porta di casa si è presentato un uomo che si è presentato come maresciallo dei carabinieri, inviato dal legale
a ritirare i monili: una fede, una collana di perle e un paio di collier. Il modo sbrigativo del sedicente militari ha insospettito i due coniugi, che dopo qualche minuto hanno chiamato il 113, scoprendo di essere stati raggirati.


Riproduzione riservata © 2017 TRC