in:

Atto dovuto, ma l’ipotesi più probabile, secondo gli inquirenti, è infatti che si sia trattato di un tragico incidente

La procura di Modena ha aperto un fascicolo per chiarire le circostanze della morte del 16enne marocchino trovato senza vita ieri pomeriggio nel laghetto del parco Rio Gamberi a Castelnuovo Rangone. Si tratta di un atto dovuto che al momento non vede indagati. L’ipotesi più probabile, secondo gli inquirenti, è infatti che si sia trattato di un tragico incidente. In base alle testimonianze raccolte dai carabinieri, pare che il ragazzo martedì verso sera si sia recato nel parco insieme ad amici e che questi ultimi ad una certa ora siano andati via lasciandolo solo. Su come il ragazzo sia caduto nel lago annegando al momento è ancora mistero. Domani verrà conferito l’incarico al medico legale di eseguire l’autopsia sul corpo del sedicenne per capire la causa del decesso e per escludere l’eventuale assunzione di alcol o altre sostanze. Al momento dalle indagini non risulta alcun collegamento tra il giovane marocchino e il mondo della droga.


Riproduzione riservata © 2017 TRC