in:

A seguito di truffe dello specchietto, sono stati rafforzati i servizi specifici a Cesenatico

A seguito di truffe dello specchietto, sono stati rafforzati i servizi specifici a Cesenatico, e nella tarda mattinata di giovedì, all’esito degli accertamenti, i militari della Stazione di Gambettola hanno individuato e denunciato per tentata truffa in concorso, un ventitreenne, con precedenti per rissa, violenza privata, danneggiamento, porto di armi od oggetti atti ad offendere e tentata truffa (sempre con le stesse modalità, commessa il 27 giugno scorso in Provincia di Firenze) e una donna, ventiduenne, con un precedente per rissa (stesse circostanze dell’uomo), entrambi residenti nel siracusano. All’esito delle indagini è emerso che, nel corso di quella mattinata, i due, a bordo della loro autovettura (con al seguito anche una minorenne) hanno tentato di porre in essere la “truffa dello specchietto” ai danni di una quarantatreenne mentre transitava a bordo della propria auto in via Verdi di Gambettola. La prontezza e l’attenzione della potenziale vittima, la quale ha allertato il 112 che ha immediatamente inviato sul posto una pattuglia che si trovava a breve distanza, ha permesso di evitare la commissione del reato e l’identificazione dei due, nei confronti dei quali è stata anche avanzata richiesta di emissione di foglio di via obbligatorio da quel Comune. Gli accertamenti hanno permesso di verificare che gli stessi, nella prima mattinata dello scorso 18 agosto, si sono resi responsabili della truffa ai danni di una cinquantatreenne di Savignano, dalla quale, a titolo di conciliazione bonaria conseguente a presunto urto tra autovetture, si facevano consegnare la somma in contanti di 40 euro.


Riproduzione riservata © 2017 TRC