in:

L’ossessione che la moglie potesse avere un’altra relazione l’ha portato negli ultimi mesi a tormentare la donna

L’ossessione che la moglie potesse avere un’altra relazione l’ha portato negli ultimi mesi a tormentare la donna, operaia 33enne, in molti modi, dalle offese a pesanti minacce e per ultimo violenze anche davanti al figlio piccolo della coppia. L’ultima ieri, culminata con l’arresto da parte dei Carabinieri di San Polo d’Enza (Reggio Emilia) di un operaio 40enne, accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. La donna, ricorsa alle cure mediche è stata dimessa con una prima prognosi di 7 giorni per le lesioni riportate agli arti. La donna non ha mai avuto la forza di raccontare e denunciare le continue minacce, offese e percosse per paura. Ieri mattina sbattuta con il figlio fuori casa, dopo l’ennesimo episodio, ha trovato il coraggio di chiamare i carabinieri raccontando quanto subiva da anni. Nonostante la presenza dei militari l’uomo continuava ad offendere pesantemente la donna. Data la situazione i militari conducevano l’uomo in caserma. Oltre alla denuncia della vittima i carabinieri hanno raccolto ulteriori elementi, tra cui importanti testimonianze, che confermavano il quadro indiziario e così è scattato l’arresto.


Riproduzione riservata © 2017 TRC