in:

Alla riunione del Comitato per la sicurezza di oggi in Prefettura e’ stato deciso che sara’ garantita “massima attenzione verso i luoghi di aggregazione”

Dopo gli attacchi terroristici a Barcellona e Cambrils sale l’allerta per la Festa dell’Unita’ di Bologna. Alla riunione del Comitato per la sicurezza di oggi in Prefettura e’ stato deciso che sara’ garantita “massima attenzione verso i luoghi di aggregazione che registrano particolare affluenza di persone, anche in considerazione delle manifestazioni in programma rispetto alle quali saranno attuate le prescritte pianificazioni di sicurezza”. Tradotto, significa che anche per la kermesse democratica al parco Nord ai nastri di partenza giovedi’ prossimo si sta pensando a come rinforzare le misure anti-terrorismo. In particolare, spiega alla Dire il responsabile Fabio Querci, per proteggere gli accessi carrabili alla festa saranno installati dei new jersey anti-camion, sull’esempio di quanto fatto in difesa della pedonalizzazione delle vie del centro storico di Bologna in occasione dei Tdays, e saranno aumentati i controlli.
Gia’ l’anno scorso per la Festa dell’Unita’ era stata prevista una stretta sulla sicurezza rispetto alle edizioni precedenti, ad esempio con un presidio fisso delle Forze dell’ordine, oltre ai Vigili del Fuoco e a un punto di Primo soccorso, controlli alle entrate e limitazioni all’ingresso delle auto, che potevano parcheggiare negli spazi del parco Nord solo se dotate di permesso. Tutte queste misure saranno confermate anche quest’anno, con l’aggiunta appunto dei new jersey come rinforzo.
In ogni caso, nei prossimi giorni i responsabili della Festa dell’Unita’ sono attesi in Prefettura per un incontro proprio sul tema sicurezza. “Abbiamo gia’ un livello di sicurezza molto elevato- sottolinea Querci- ma adempiremo sicuramente ad ogni ulteriore richiesta che ci verra’ dalla Prefettura”. Valutazioni simili si stanno facendo in queste ore anche a Imola, dove quest’anno e’ in programma la festa nazionale del Pd, dal 9 al 24 settembre. Anche se al momento, per quanto riguarda possibili barriere anti-camion sul modello Bologna, il segretario dei dem imolesi Marco Raccagna non si sbilancia. “Alla festa di Imola i camion non entrano- taglia corto- ma non siamo ancora entrati nel dettaglio”. In ogni caso, assicura il segretario parlando alla Dire, “ci sara’ qualche attenzione in piu’ dovuta al fatto che e’ un evento di carattere nazionale. Ci sono leggi dello Stato modificate anche negli scorsi mesi che vanno rispettate, quindi in collaborazione con le Forze dell’ordine faremo tutto cio’ che bisogna fare”.


Riproduzione riservata © 2017 TRC