in:

Il protagonista è l’aiuto chef che per giorni aveva versato del lassativo nell’acqua del suo superiore, uno chef bresciano di un blasonato hotel di Milano Marittima

Per giorni aveva versato del lassativo nell’acqua del suo superiore allo scopo di rendergli
la vita sul lavoro alquanto difficile. E c’era riuscito tanto che l’uomo preso di mira – uno chef bresciano di un blasonato hotel di Milano Marittima, sul litorale ravennate – è stato
colpito da continui episodi dissenterici, talmente forti da non consentirgli di lavorare. Alla fine un aiuto cuoco 37enne della provincia di Crotone è stato indagato a piede libero dai
carabinieri della locale Stazione per lesioni aggravate continuate.
Dopo la denuncia dello chef, a incastrare il presunto responsabile sono state le immagini delle telecamere di videosorveglianza della struttura. Alla base del gesto, secondo
quanto riferito dall’Arma, vi sarebbero dissapori sorti nell’ambiente lavorativo.


Riproduzione riservata © 2017 TRC