in:

Il 21enne avrebbe attirato il ragazzino che giocava in strada in una zona di campagna per poi violentarlo. Il 14enne ha raccontato tutto ai genitori.

Un giovane di 21 anni è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di aver violentato un ragazzo di meno di 14 anni affetto da deficit cognitivi. L’episodio risale al 10 luglio ed è stato ricostruito dal Nucleo Investigativo del comando provinciale dell’Arma di Reggio Emilia, coordinato dal sostituto procuratore Maria Rita Pantani. Il 21enne, che abita vicino alla vittima, avrebbe attirato il ragazzino che giocava in strada in una zona di campagna dopo averne carpito la fiducia, per poi violentarlo. Il 14enne ha raccontato tutto ai genitori e anche la visita in ospedale ha confermato l’avvenuto abuso. Nei confronti del 21enne è stata formulata l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita dai carabinieri. L’accusa è di violenza sessuale aggravata.


Riproduzione riservata © 2017 TRC