in:

Su 21 camion controllati, 22 sono state le infrazioni riscontrate dalla polizia municipale di Modena la settimana scorsa nell’ambito di controlli straordinari.

Un autotrasportatore su quattro non rispetta i tempi di riposo: è quasi una proporzione fissa quella riscontrata nei controlli di polizia municipale di Modena, confermata ancora una volta al termine dell’attività straordinaria di presidio svolta giovedì 10 agosto. I controlli, predisposti dal Ministero dei Trasporti per ridurre il numero di gravi incidenti dovuti a stanchezza, hanno riguardato 21 mezzi pesanti con particolare attenzione per quelli provenienti dall’estero – sui quali è più frequente riscontrare violazioni. Assieme al centro mobile di revisione della motorizzazione civile sono state riscontrate 22 violazioni totali, più di una per ciascun mezzo, e ben sei pericolosissime infrazioni alla regola d’oro del riposo: massimo 9 ore al giorno, spezzate almeno una volta, con un limite di quattro ore e mezza di guida consecutiva; con una sola deroga, da nove a dieci ore totali e non più di due volte a settimana. Per accertare rapidamente le manomissioni del cosiddetto cronotachigrafo, è entrato in servizio anche il Police Controller: uno strumento informatico per l’analisi digitale di velocità massime e tempi di riposo, il tutto in pochi secondi. Sette delle violazioni riscontrate hanno invece riguardato pneumatici usurati, mancanza di specchietti o luci non funzionanti; tre infine hanno riguardato violazioni documentali.


Riproduzione riservata © 2017 TRC