in:

Ha ucciso la moglie 73enne e il figlio 48enne a colpi di pistola. Poi ha dato fuoco all’abitazione, in pieno centro a Ferrara, poi si è sparato

Ha ucciso la moglie 73enne e il figlio 48enne a colpi di pistola. Poi ha dato fuoco all’abitazione, in pieno centro a Ferrara, ed è uscito dalla palazzina: compiute poche centinaia di metri, si è sparato. Protagonista della vicenda, un antiquario di 77 anni. A quanto si è appreso, oggi a mezzogiorno, l’ufficiale giudiziario avrebbe dovuto dare corso allo sfratto esecutivo della famiglia dall’abitazione. Un mese fa era avvenuto il primo accesso di sfratto non eseguito perché la casa era piena di mobili e da svuotare. Sul posto, in prima battuta, sono intervenuti i Vigili del Fuoco chiamati alle 6.30 per l’incendio,m che si era sviluppato al piano terra dell’edificio che si affaccia su via del Turco e sulla Piazzetta privata Fratelli Bartolucci. Spento l’incendio, però, i pompieri hanno rinvenuto nell’abitazione, al primo piano, i corpi anneriti dal fumo dell’uomo e della donna con segni di colpi di arma da fuoco alla testa. Il 77enne, Galeazzo Bartolucci, ha compiuto poche centinaia di metri dalla casa e si è sparato in via Boccanale di Santo Stefano, sotto i portici all’altezza della chiesa di Santo Stefano. Alle 7.30 la Polizia era stata allertata per la presenza di un uomo in fin di vita, trovato dalle forze dell’ordine con il segno di un colpo alla testa e una pistola in mano. Ancora da chiarire i motivi della tragedia. Le salme della tragedia avvenuta questa mattina nel centro di Ferrara – dove l’antiquario 77enne Galeazzo Bartolucci ha ucciso la moglie, Mariella Mangolini di 73 anni e il figlio Giovanni di 48, prima di dare fuoco alla casa e spararsi in strada – sono state recuperate e portate all’Ospedale di Cona per gli esami medico-legali. Sul posto sono stati trovati senza vita anche due gatti, morti probabilmente nell’incendio, i cui corpi sono stati presi in consegna dai volontari del gattile municipale.


Riproduzione riservata © 2017 TRC