in:

Al tribunale di Sorveglianza di Bologna, udienza sulla richiesta di detenzione domiciliare presentata dalla sua difesa. La donna sta scontando la pena nel carcere della Dozza e da qualche settimana è stata ammessa al lavoro esterno

Annamaria Franzoni è arrivata al tribunale di Sorveglianza di Bologna dove è prevista in mattinata l’udienza sulla richiesta di detenzione domiciliare presentata dalla sua difesa. All’arrivo non ha rilasciato dichiarazioni. L’udienza è cominciata dopo pochi minuti. Anche nell’attesa Anna Maria Franzoni non ha fatto commenti. La donna, che sta scontando la pena nel carcere della Dozza, da qualche settimana è stata ammessa al lavoro esterno in una cooperativa sociale annessa all’adiacente parrocchia.

 

Il Tribunale di Sorveglianza di Bologna si è riservato di decidere sulla richiesta avanzata da Anna Maria Franzoni di detenzione domiciliare. La donna uscendo a conclusione dell’udienza non ha rilasciato commenti. E’ stato il suo legale, avvocato Paola Savio, a spiegare che il Tribunale si è riservato sulla decisione in merito alla richiesta di domiciliari per assistere il figlio più piccolo. L’avvocato ha anche detto che la Procura generale ha espresso parere contrario.


Riproduzione riservata © 2018 TRC