Si inaugura sabato 7 dicembre alle 17 l’esposizione dedicata alla bottega degli “argentieri e bisuttieri della Real Casa”, con un brindisi ai donatori dei due candelieri di Francesco IV

Giacomo e Luigi Vincenzi, padre e figlio, furono argentieri nella Modena Ducale della prima metà dell’Ottocento. Nella loro bottega sotto il portico del Collegio presero forma i preziosi oggetti che decoravano le residenze delle nobili famiglie della città, che arredavano Sinagoga e il Duomo ma soprattutto i Vincenzi erano gli argentieri di Corte, come dimostrano i nove candelieri con il monogramma di Francesco D’Este ritrovati nel mercato antiquario di Parigi battuti all’asta e ritornati in città grazie all’antiquario modenese Pietro Cantore. La mostra dedicata alla bottega dei Vincenzi fornisce uno spaccato della produzione di argenteria dell’epoca, lo squarcio su un mondo che, dopo l’esilio di Francesco IV sembrava perduta per sempre.


Riproduzione riservata © 2018 TRC