in:

A Forlì caricavano merci destinate all’Ucraina, a volte anche denaro, ma tutto senza controllo.

Un servizio illegale di trasporto merci ma anche denaro dall’Italia, più precisamente dal forlivese, verso l’Ucraina. E’ quanto scoperto dalla polizia municipale di Forlì che ha sottoposto a fermo amministrativo due camion. A far partire l’operazione il fatto che periodicamente in una piazza della città romagnola si assembravano stranieri, in gran parte donne impegnate in attività di badanti. Qui veniva la consegna e la pesatura (per ogni collo il costo oscillava mediatamente attorno ai due euro al chilo) delle merci da trasportare in Ucraina. I ‘corrieri’ si incaricavano anche di trasportare denaro, aggirando i costi bancari e i controlli fiscali e permettendo, oltre all’invio all’estero dei soldi regolarmente guadagnati, anche di somme di denaro di provenienza illecita. I due proprietari e conducenti dei camion sono stati multati per 4.000 euro ciascuno, mentre i due mezzi non potranno circolare per tre mesi.


Riproduzione riservata © 2018 TRC