Approvato dalla Giunta il Piano di ripartizione di questi fondi. Al via i lavori di messa in sicurezza del Torrione degli Spagnoli

Sono 56 e ammontano complessivamente a 31 milioni di euro, i progetti su Carpi inclusi nel Piano generale della Regione per la riparazione e il ripristino delle opere pubbliche, dei beni culturali e dell’edilizia scolastica danneggiati dal terremoto del maggio 20. La Giunta comunale ha approvato nei giorni scorsi il Piano di ripartizione degli indennizzi assicurativi per la riparazione dei danni del sisma, che ammonta a circa 9 milioni di euro: questi fondi verranno usati per anticipare spese e aprire cantieri che riguardano interventi su edifici comunali, in attesa dello stanziamento della seconda biennalità dei fondi regionali inseriti nel Piano generale.

 

I lavori di messa in sicurezza del tetto del Torrione ad esempio sono partiti nei giorni scorsi (e una gru ora è ben visibile in Piazza dei Martiri), e dovrebbero concludersi nel giro di sei mesi. Con questa anticipazione (1 milione e 731 mila euro) e con i 700 mila euro già autorizzati al MIBAC, il Ministero per i Beni Artistici e Culturali, si potrà dare continuità al recupero strutturale del manufatto. Oltre al rifacimento del tetto e al ripristino delle merlature ornamentali, si procederà a un consolidamento generale e alla messa in sicurezza dell’intero ultimo piano dell’edificio. Nelle nove sale del Torrione, inagibile e dove gli affreschi sono ancora sotto strati di imbiancatura passati sulle pareti nel corso dei secoli, il lavoro di restauro sarà impegnativo. Entro la primavera prossima poi l’amministrazione comunale ha intenzione di concludere l’iter per l’acquisizione della proprietà del Torrione: da tempo si è in trattative da una parte con il Demanio e dell’altra con il Ministero dei Beni culturali.
Sono numerosi e più corposi invece gli interventi che presto partiranno grazie all’anticipo degli indennizzi deciso dalla Giunta lunedì scorso, per quasi 9 milioni di euro come detto, cifra che si somma alle risorse già autorizzate dalla Regione, 8,7 milioni per il 2013-14. Per il Palazzo dei Pio (escluso il Torrione degli Spagnoli) sono disponibili 1,3 milioni, 1,5 per il Tempio di San Nicolò (compreso campanile e scuola) e altri 625 mila euro per il convento adiacente alla chiesa, 350 mila per il restauro della Vecchia Sinagoga.


Riproduzione riservata © 2018 TRC