in:

L’inchiesta delle Fiamme Gialle di Trento è arrivata anche a Modena, dove a Nonantola sono state sequestrate confezioni di matite colorate. Ma il fenomeno è trasversale e pericoloso

170mila pastelli colorati tossici sequestrati dalla Guardia di finanza, è solo uno dei tanti aspetti della contraffazione. L’inchiesta delle Fiamme Gialle di Trento si è fermata anche a Nonantola dove, in un magazzino, sono state sequestrate pochissime confezioni di matite colorate, ma il fenomeno della contraffazione è trasversale e pericoloso. Ne abbiamo parlato con chi lo combatte tutti i giorni.

E’ un fenomeno transnazionale, a Modena la merce arriva soprattutto dalla Campania, dal bacino fiorentino-pratese e attraverso importazioni dirette dalla Cina. Parliamo della contraffazione, un fenomeno che non è necessariamente in crescita, sono cresciuti i controlli e i risultati. Da alcuni anni la Guardia di Finanza sta portando avanti un’azione mirata e capillare di controllo del territorio per combattere un fenomeno che si collega all’evasione fiscale, allo sfruttamento del lavoro nero e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

I numeri: nel 2012 le fiamme Gialle di Modena hanno effettuato 44 interventi in materia di contraffazione che hanno portato al sequestro di 528mila prodotti falsificati e non sicuri. Nel 2013, primo semestre, 30 le perquisizioni e quasi 9milioni i prodotti sequestrati, un numero enorme ma legato soprattutto al maxi sequestro di false figurine Panini. La contraffazione è un fenomeno che colpisce produttori, commercianti e consumatori, è figlia della globalizzazione e cresce grazie all’e-commerce. Dalla Guardia di Finanza l’appello un appello alla responsabilità.


Riproduzione riservata © 2018 TRC