in:

Ferrara. Le vigilesse avevano scoperto che il tagliando era contraffatto. Inseguito e fermato dalla municipale.

Ad un controllo, prima ha minacciato e poi è scappato da due vigilesse che lo avevano scoperto viaggiare senza assicurazione e con un tagliando falsificato. Inseguito e fermato, si è poi giustificato così: Non ho soldi, sono un precario. Ma ciò non gli ha evitato la denuncia penale e le sanzioni amministrative, multe salatissime. Lui è stato scoperto per caso: aveva parcheggiato l’auto sul marciapiede, in via Recchi e al controllo di due vigilesse ha reagito con insofferenza, e quando dopo aver verificato il contrassegno assicurativo scaduto, l’uomo si è subito rimesso alla guida dell’auto, strattonando e minacciando l’agente che si opponeva alla chiusura della portiera, ed è scappato. Ne è nato un inseguimento che, dopo aver allertato la centrale radio del corpo, ha coinvolto altre pattuglie. La corsa del ferrarese è stata interrotta in via Bologna, a ridosso del centro cittadino, da un altro agente della municipale che gli ha intimato la consegna delle chiavi del veicolo per procedere agli atti a suo carico. Lui ha proposto la sua giustificazione per non aver rinnovato l’assicurazione (i problemi finanziari per la precarietà economica) ma ugualmente ha subito le sanzioni amministrative e penali per il contrassegno falsificato per la resistenza e le minacce a pubblico ufficiale. La polizia municipale infatti rileva un pericoloso aumento di veicoli circolanti non assicurati o con contrassegno o polizze falsificate. Per questo motivo la polizia della provincia di Ferrara sta conducendo una specifica campagna di prevenzione denominata “R-Assicurati”, fino alla prima metà del mese di dicembre.


Riproduzione riservata © 2018 TRC