in:

La direzione del lavoro ha inviato alla procura 73 notizie di reato in merito a sicurezza sul lavoro e regolarità degli appalti.

Affiora il problema sicurezza al porto di Ravenna. Per violazioni alle leggi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e sulla legalità negli appalti, la direzione territoriale del lavoro nel 2012 ha inviato alla procura della Repubblica di Ravenna 73 notizie di reato (625 lavoratori interessati) di cui 14, il 19,2%, inerenti aziende che hanno operato proprio nell’area portuale. Dei 508.080 euro di sanzioni complessive, 205.344 sono a carico di imprese attive al porto: i lavoratori interessati sono 160, il 26% rispetto a quelli interessati in totale dai verbali della direzione del lavoro. Viene contestato nell’area del porto il 40% delle sanzioni elevate per appalto illecito e somministrazione. Inoltre, se la media di sanzione per singola azienda ispezionata in provincia è di circa 6.900 euro, nell’area portuale risulta più del doppio, ovvero pari a oltre 14 mila euro. I dati del 2012 sono stati elaborati da poco e sono il risultato di una campagna nazionale portata avanti sul territorio anche con reparti dei carabinieri inviati da Roma.


Riproduzione riservata © 2018 TRC