in:

L’uomo aveva reagito con violenza a un rifiuto della donna alle avance. I vicini, accorsi sentendo le gride, hanno aiutato lui invece della donna.

Ha rifiutato le avance del compagno, e lui ha cominciato a picchiarla selvaggiamente. E come se non bastasse, i vicini accorsi, sentendo le grida, invece di difendere la donna hanno aiutato l’uomo a picchiarla. La coppia, infatti, covava rancori nei confronti della 44enne che in passato era intervenuta per calmare una loro lite. E’ accaduto ieri sera in un comune del reggiano dove i militari di una Stazione del Comando Provinciale dei Carabinieri di Reggio Emilia con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni hanno arrestato un siciliano 47enne domiciliato nel reggiano. In manette anche una coppia di vicini di casa, (lui 51enne e lei 43enne) arrestati con l’accusa di lesioni. La vittima, una donna di 44 anni, è dovuta ricorrere alle cure in ospedale, con prognosi di 21 giorni per traumi contusivi e ferite. Pugni, schiaffi, calci e probabilmente morsi: nulla è stato risparmiato alla malcapitata donna.

 

L’allarme al 112 è giunto poco dopo le 16,00: i militari si sono recati sul posto e davanti alla casa hanno trovato la donna sotto shock con il volto tumefatto che alla vista dei Carabinieri si è lasciata andare in un pianto sconsolato, raccontando le violenze subite poco prima da parte del suo compagno e dalla coppia di vicini. Secondo quanto ricostruito, i vicini sono giunti quando la donna si trovava sul pianerottolo nel tentativo di fuggire dalle violenze dell’uomo. Bloccata dai due veniva riportata dentro e pestata di nuovo. Violenze quelle dell’uomo non circoscritte a questa domenica: nella denuncia presentata dalla donna emergono reiterate condotte violente commesse dall’uomo anche tempo addietro nei confronti della donna che non ha mai denunciato per paura. Violenze aumentate nel’ultimo periodo allorquando la donna aveva manifestato l’intenzione a porre fine alla relazione sentimentale.


Riproduzione riservata © 2018 TRC