in:

In mattinata, in un’aula del terzo piano, si è staccato un blocco di intonaco piombando sul banco di una studentessa. Nessun danno, nè a lei nè alla struttura. Ma tanta paura

Si è staccato all’improvviso proprio sopra al banco di una studentessa, un blocco circolare di calcinacci caduto, questa mattina, dal soffitto della classe prima G del liceo Sigonio in via dei Lancillotti a Modena. Questione di centimetri e l’incidente poteva avere ben altre conseguenze. La ragazza per fortuna se l’è cavata con tanto spavento. Anche se a causa della polvere caduta ha avuto un problema agli ed è tornata a casa accompagnata dai genitori. Mentre l’aula, che si trova al terzo piano, è stata subito evacuata.

 

 

La scuola ha preferito mantenere un profilo basso chiamando i tecnici comunali per un sopralluogo e negando alle nostre telecamere di entrare per documentare l’accaduto. Alcune immagini però hanno iniziato a circolare tra ragazzi e genitori e alla fine sono arrivate sul web. Il Comune, proprietario dell’edificio che ospita il Sigonio, dopo che la sede storica del liceo è stata dichiarata inagibile a causa del sisma, in una nota spiega che si è trattato del distacco di una porzione di intonaco del diametro di 20 cm in prossimità di una trave di cemento. I controlli effettuati dai tecnici del Servizio logistica e Manutenzione del Comune non hanno comunque rilevato alcun problema strutturale, ne infiltrazioni.

 

 

L’incidente ha però lasciato un certo sgomento, anche perché ancora non si capiscono le cause dell’improvviso cedimento. Alcuni studenti del liceo raccontano di forti vibrazioni al passaggio dei treni sulla vicina ferrovia. La classe in questione però si trova dall’altra parte della scuola. Un edificio, quello delle ex medie Marconi, certo non nuovo anche se riaperto nel settembre del 2012 dopo alcuni lavori per ospitare i circa 900 studenti del Sigonio. Tuttavia per il liceo si tratta di una sede provvisoria anche se, per il pieno recupero della sede di via Saragozza, ci vorrà ancora molto tempo. 


Riproduzione riservata © 2018 TRC