Modena è autosufficiente, ma servono sempre nuovi donatori

In provincia di Modena i donatori di sangue sono circa 28 mila, un numero che rende il territorio autosufficiente e che garantisce un solido aiuto anche in altre regioni d’Italia. Nel 2011 sono state 36 mila le unità di sangue raccolte dall’Avis, in leggero aumento rispetto allo scorso anno. Modena vanta una lunga tradizione in questo campo che l’azienda sanitaria supporta con una rete collaudata sia come punti di raccolta, sia come gestione del sangue. Un tempo il sangue raccolto veniva utilizzato soprattutto in campo chirurgico. Oggi grazie a tecniche mininvasive  che comportano minore perdita di sangue, questo fabbisogno si è ridotto.  Sono però aumentate le trasfusioni dovute alle terapie che migliorano la speranza di vita di molte patologie. L’invecchiamento della popolazione pone tuttavia un problema di ricambio generazionale dei donatori. E va in questa direzione l’iniziativa chiamata Globulandia allestita al Palazzo dei Musei di Modena. Un viaggio all’interno di un enorme vaso sanguigno per trasmettere ai visitatori attraverso un’avventura sensoriale, il valore di donare il sangue.


Riproduzione riservata © 2017 TRC