Anche a Modena parte la sfida per la scelta del candidato premier

“Matteo Renzi è di sinistra”: Stefano Rimini, consigliere comunale del Pd,  parte da questo assunto alla presentazione del comitato a sostegno della candidatura del sindaco di Firenze alle primarie nazionali del Partito Democratico. Tra i promotori del comitato ci sono liberi professionisti, studenti e ovviamente iscritti e amministratori del Pd; la metà dei componenti ha meno di 30 anni. “Renzi chiede ai cittadini di mettersi in gioco per il Paese e li responsabilizza invitandoli a non aspettare il cambiamento ma a promuoverlo attivamente”, spiega. Riguardo ai temi da discutere: “Vogliamo essere concreti fin da subito, vogliamo cominciare a mettere in discussione le rendite di posizioni di chi fa politica o i sistemi di selezione di chi fa carriera all’interno del mondo universitario, ma anche parlare di sprechi della politica a cominciare dalla partecipate”. Al segretario provinciale del Pd Baruffi i renziani chiederanno l’apertura del Pd a tutti i candidati, intanto all’interno del partito la sfida per scegliere il candidato premier è più che mai accesa, dopo il presidente della Provincia Sabattini, che si è schierato a favore di Renzi, ora hanno annunciato ufficialmente la loro posizione anche l’assessore Maletti, filo-Renzi, e il segretario comunale del Pd Boschini che sta con Bersani. “Rottamazione non è una questione anagrafica – taglia corto Rimini – deve essere rottamata la vecchia mentalità di fare politica.


Riproduzione riservata © 2017 TRC