Il pm ha chiuso l’indagine e chiesto il rinvio a giudizio per appalti sospetti a Carpi e Castelfranco

Chiesto il rinvio a giudizio per gli indagati nell’operazione della squadra Mobile di Modena “Demiurgo”, che ha fatto emergere una presunta rete di appalti truccati nei comuni di Castelfranco Emilia e Carpi. Tra loro Nicola Rispoli, dirigente dell’ufficio tecnico di Castelfranco, e Marco Prisciandaro, addetto del settore manutenzione stradale del Comune di Carpi. Coinvolti nell’inchiesta anche gli imprenditori modenesi Giovanni Speria, titolare della Edil Giò, e Mario Silvestri, amministratore della “Nuova segnaletica modenese”. Insieme a loro sono indagate a piede libero altre sette persone. Sviluppi anche nell’inchiesta milanese su presunti appalti truccati a Sesto San Giovanni che coinvolge l’ex presidente della Provincia di Milano Filippo Penati. E’ infatti stato chiesto il rinvio a giudizio per i due modenesi Gian Paolo Salami, ex sindaco di Sassuolo, e Omer Degli Esposti, vicepresidente del consorzio cooperative di Bologna.


Riproduzione riservata © 2017 TRC