Ma non hanno partecipato all’incontro Esselunga e i sindacati

Il codice di autoregolamentazione sulle aperture domenicali dei negozi è stato messo nero su bianco ed è stato sottoscritto da Comune, grande distribuzione e associazioni di categoria. Un altro capitolo nella controversa vicenda delle aperture domenicali che questa mattina ha visto la gran parte dei rappresentanti del settore d’accordo nell’adozione di un codice comportamentale che metta alcune regole sulla liberalizzazione tout court voluta dal Governo. Tra i firmatari dell’accordo Coop Estense, Conad, Sigma, Di Meglio, Ld. L’accordo, lo ricordiamo, prevede il rispetto delle festività religiose e civili, il tetto di 30 aperture massime all’anno per insegna, la salvaguardia delle piccole imprese delle gallerie commerciali e dei lavoratori. Mai come in questo caso era evidente l’assenza di Esselunga che non ha voluto aderire all’accordo e dei sindacati che, anche di fronte allo sforzo del Comune di contenere l’effetto della liberalizzazione, hanno deciso di non firmare.


Riproduzione riservata © 2017 TRC