L’idea nata negli Usa arriva in Italia, e passa per Castelnuovo

In giro per Los Angeles con la valigetta per recarsi al lavoro in mano, il cambio nello zainetto e ai piedi, uno skate. Non siamo impazziti. Già da qualche anno negli Stati Uniti, in Giappone, Argentina e Brasile capita spesso di vedere scene di questo tipo, ma presto potrebbe accadere anche in Italia. Un assaggio lo si è avuto sabato scorso alla Notte Rossa di Maranello, dove i primi prototipi degli skate elettrici di Riker, iSkate, hanno incuriosito  molti passanti, con i più giovani che subito hanno voluto provare. Ma il nuovo mezzo non è pensato solo per lo svago dei ragazzi come ci ha ripetuto più volte il suo inventore il californiano Taylor Landry. A Landry l’idea di coniugare passione giovanile e praticità negli spostamenti è venuta ai tempi dell’Università quando frequentava la California Polytechnic State University. Con il padre nell’azienda di famiglia l’idea è stata trasformata in realtà, riscuotendo subito grandi consensi. E tra un mese, gli skate elettrici arriveranno anche in Italia, commercializzati dalla Riker di Castelnuovo che fa della mobilità attenta all’ambiente il proprio credo ed è pronta ad abbinare a bici e smart elettriche anche l’iSkate.


Riproduzione riservata © 2017 TRC