Nove i fascicoli aperti dalla procura, alcuni casi sono particolari

Sono nove i fascicoli aperti dalla procura sui crolli che hanno provocato le vittime nella Bassa modenese il 29 maggio, dopo la violenta scossa di terremoto del mattino. Sotto la lente dei magistrati i capannoni, ma anche la palazzina di Cavezzo dove è morta una donna, anche se alcuni casi sono particolari. Alla Aries di Mirandola a perdere la vita è stato il solo titolare, proprietario e responsabile della costruzione. Mentre a San Felice Meta è implosa mentre l’ingegnere incaricato stava proprio svolgendo le verifiche di stabilità: è stato travolto dalle macerie. Il procuratore Vito Zincani questa mattina a Bondeno ha incontrato la commissione parlamentare che si occupa di infortuni sul lavoro.


Riproduzione riservata © 2017 TRC