E’ quanto hanno realizzato le donne pensionate della Cgil per raccogliere fondi

Emozioni, testimonianze e volti femminili che riempiono i 12 mesi del prossimo anno in un calendario e in agenda. Un progetto per ricordare, ma anche e soprattutto per ripartire. 53 donne che vivono nei paesi colpiti dal terremoto hanno prestato il loro volto ed accettato di comunicare le loro emozioni per raccogliere fondi destinati all’acquisto di materiali per le scuole. “Io farò…Donne per la ricostruzione” è il titolo dato a questa iniziativa che ha voluto raccontare i gesti di vita quotidiana che più manca dopo il terremoto e dal quale si vorrebbe ripartire per ritrovare la normalità. Le fotografie sono state realizzate da una fotografa di Novi, Marzia Lodi con il coordinamento di Adriana Barbolini.


Riproduzione riservata © 2017 TRC