Tunisino di 30 anni si arrampica su un palo a Concordia e minaccia di lanciarsi nel vuoto

La scorsa notte, intorno a mezzanotte, i carabinieri di Concordia sono intervenuti presso il campo sportivo dove un cittadino tunisino di 30 anni, che vive a San Possidonio, era salito sopra un palo dell’illuminazione minacciando di gettarsi da un’altezza di 30 metri. Scopo del gesto di protesta, ha spiegato, era attaccare le istituzioni, in particolare la Croce Rossa, lamentando il mancato ascolto delle proprie esigenze ed il conseguente stato di abbandono. Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco che hanno immediatamente allestito un materasso gonfiabile a protezione di un eventuale gesto sconsiderato. Alle 3, però, il sindaco ha convinto l’uomo a scendere ed è stato poi trasportato presso l’ospedale di Mirandola per un controllo delle sue condizioni psico-fisiche.


Riproduzione riservata © 2017 TRC