La decisione all’indomani dell’incendio al presidio Fiom davanti alla Maserati

Un’iniziativa pubblica alla quale sono invitate le istituzioni, i partiti, i cittadini. Lo ha annunciato la Cgil all’indomani dell’incendio al presidio della Fiom davanti alla Maserati spiegando che nei prossimi giorni il container dato alle fiamme verrà sostituito con uno identico. Un episodio, il rogo dell’altra notte sul quale sta indagando la magistratura ma che  quale la Fiom si inserisce in un contesto ben preciso. Il sindacato delle tute blu non esclude  nemmeno la mano della malavita organizzata, “un atto intimidatorio –  dice  il segretario Donato Pivanti –  per mano di chi ha tutto l’interesse a muoversi nell’illegalità . Diversi gli attestati di solidarietà arrivati al sindacato, tra gli ultimi in ordine di tempo anche l’Anpi che definisce l’incendio un folle gesto. Ad esprimere solidarietà anche la Cisl di Modena che parla di "atto grave e che condanniamo con fermezza. Esortiamo la Fiom a non lasciarsi intimidire e portare avanti le proprie idee".


Riproduzione riservata © 2017 TRC