I tre prefabbricati ospiteranno mille studenti

I 500 sfollati residenti nel comune di Soliera hanno trovato una collocazione abitativa alternativa o autonomamente o grazie all’amministrazione comunale. 12 persone si trovano ancora in tenda all’interno del centro sportivo del paese, ma entro la prossima settimana avranno la disponibilità di una collocazione abitativa definitiva. Il Comune di Soliera si trova a gestire una situazione meno complessa degli altri terremotati da un punto di vista abitativo. Diversa è la situazione delle strutture pubbliche. Il castello, sede degli uffici comunali, resta totalmente inagibile, anche se intanto, esternamente, i vigili del Fuoco hanno provveduto a mettere in sicurezza le due torri, in modo tale che non costituiscano un pericolo per le abitazioni vicine. Per la parte interna i lavori inizieranno già la prossima settimana e l’auspicio è che almeno la sala consiliare e la biblioteca Campori possano essere fruibili entro settembre. Sono mille i bambini, invece, delle scuole medie Sassi, delle elementari Garibaldi di Soliera e Battisti di Sozzigalli, inagibili, che andranno a lezione in tre sedi nuove, prefabbricate che si stanno realizzando a tempo di record e con la curiosità e l’interesse di genitori e scolari.


Riproduzione riservata © 2017 TRC