Nuove sedi provvisorie per Venturi e liceo Sigonio

L’ipotesi container è stata scongiurata, ma il terremoto ha provocato non pochi problemi alle scuole di Modena città. Così, l’istituto superiore Venturi, che ha la sede di via Dei Servi totalmente inagibile e irrecuperabile in tempi brevi, si troverà diviso tra quattro, se pur vicine, diverse soluzioni. Aule e laboratori verranno recuperate nelle vecchie sedi di via Belle Arti e via Sant’Orsola, a cui si aggiungeranno i locali presi in affitto dalla Provincia in via Sgarzeria e via Rainusso. Nel primo caso saranno necessari lavori di adeguamento del costo di 480mila euro. E lavori, per 850mila euro, sono in corso alle ex scuole Marconi di via Nonantolana, dove troverà posto il liceo Sigonio, che non può tornare in via Saragozza. In questo caso la buona notizia è che la scuola verrà riunita in un’unica sede, con anche un risparmio sugli affitti, perchè sarà lasciata anche la succursale di via Rainusso. Cantieri aperti anche in nove scuole elementari, ma per il recupero di crepe superficiali, con un costo complessivo di 450mila euro, e in tre scuole medie, Carducci, Guidotti-Mistrali e De Amicis, dove gli interventi, fa sapere il Comune, sono un po’ più complessi e avranno un costo di 720mila euro.


Riproduzione riservata © 2017 TRC