Un marocchino di 35 anni si getta in acqua dopo una grigliata con gli amici e muore

Bagno notturno fatale per un marocchino di 35 anni, annegato nelle acque dei laghetti Curiel di Campogalliano, già in passato teatro di simili tragedie. L’uomo, da tempo in Italia ma privo del permesso di soggiorno, si è gettato in acqua, a conclusione di una grigliata con alcuni amici che lo hanno visto affondare dopo alcune bracciate. L’allarme è stato immediato, ma per l’extracomunitario non c’é stato nulla da fare. Sul posto sono intervenuti carabinieri, personale del 118 e vigili del fuoco che però hanno potuto solo recuperare il cadavere poco prima delle 4, grazie all’intervento dei sommozzatori arrivati da Bologna. A prima vista non sembrano esserci dubbi sulle cause del decesso, il classico caso di morte da annegamento, per congestione, anche se l’ora tarda e inusuale induce gli inquirenti a non sbilanciarsi. Sarà l’autopsia a chiarire in modo inequivocabile se si tratti davvero di un bagno di mezzanotte finito in tragedia o se, sotto la morte del 35enne marocchino, ci sia dell’altro.


Riproduzione riservata © 2017 TRC