Il capo spirituale del Buddismo tibetano ha visitato la zona rossa di Mirandola e incontrato gli sfollati

Un piccolo uomo, dal grande carisma. Applausi di aperta simpatia per il Dalai Lama che questa mattina ha iniziato la sua visita in Italia facendo tappa a Mirandola. Prima ha attraversato la zona rossa, dove la distruzione compiuta dal sisma è evidente in ogni edificio e monumento. Poi ha raggiunto il Campo Friuli dove, ad attenderlo, ha trovato una folla di volontari e sfollati ai quali ha rivolto un pensiero di incoraggiamento e di conforto. Parole semplici, quelle usate dal Dalai Lama, ma non per questo meno efficaci.Il Dalai Lama ha spronato gli abitanti della bassa a essere determinati a ricostruire il futuro. Ha raccontato di aver pregato per le persone colpite dal sisma e ha chiesto di incontrare amici e parenti di coloro che hanno perso la vita nei crolli. Dopo essersi raccolto in meditazione per alcuni minuti, il Dalai Lama ha annunciato che donerà altri 50 mila dollari . “Perché nelle terre colpite da un disastro naturale – ha detto – non è bene presentarsi a mani vuote”. Dopo il Dalai Lama hanno parlato il sindaco di Mirandola Maino Benatti e il Presidente regionale Vasco Errani esprimendo entrambi parole di ringraziamento nei confronti della massima autorità spirituale tibetana. All’uscita dal Campo Friuli, il Dalai Lama salutato dalla folla con lo slogan Free Tibet, Tibet libero.


Riproduzione riservata © 2017 TRC