in:

I carabinieri stanno indagando negli ambienti della prostituzione

E’ di nazionalità cinese la giovane donna trovata morta martedì a Formigine, in una strada secondaria tra Casinalbo e Magreta. Il riconoscimento è stato reso possibile dai primi esami di laboratorio, l’autopsia, eseguita ieri dai patologi della Medicina Legale di Modena, e i primi riscontri dei Ris su quello che era rimasto delle impronte digitali: le mani e il volto erano infatti in parte deturpati dalla soda caustica, un oltraggio sul cadavere forse per ritardarne l’identificazione. La strada però è ancora in salita. I carabinieri stanno indagando negli ambienti della prostituzione, la donna potrebbe essere stata uccisa per un regolamento di conti, ma al momento non viene esclusa alcuna pista. Gli investigatori stanno cercando di capire se il luogo del ritrovamento, via Sant’Ambrogio, possa in qualche modo dare una direzione alle indagini: forse chi si è sbarazzato del cadavere conosce bene la zona.


Riproduzione riservata © 2018 TRC