in:

I turchi in manette minacciavano connazionali chiedendo loro una “tassa rivoluzionaria”

Tocca anche Modena l’operazione condotta dalla Digos di Venezia nei confronti di cittadini turchi di etnia curda accusati di concorso nel tentativo di estorsione e di lesioni gravi, commesse con l’aggravante della finalità di terrorismo. Le indagini hanno consentito di mettere in luce la matrice politica della vicenda e l’attività estorsiva messa in pratica da una cellula del Pkk, il Partito dei Lavoratori Curdi. Uno dei 5 arresti è stato effettuato a Formigine: nei guai Emre Irez, 22 anni. Secondo la polizia, il gruppo di turchi avrebbe estorto denaro a connazionali residenti in Italia spacciandolo come una sorta di “tassa rivoluzionaria” per finanziare le attività del movimento indipendentista.


Riproduzione riservata © 2018 TRC