in:

Accusato di falso ideologico nella vicenda di Terremerse di Ravenna

Avviso di garanzia e di fine indagine per il presidente della Regione, Vasco Errani: assieme ad altre 8 persone è indagato a seguito dell’inchiesta relativa a un finanziamento da un milione di euro alla cooperativa agricola Terremerse di Ravenna. L’azienda ottenne i fondi nel 2005 per costruire a Imola una cantina vinicola, struttura che però non era completa quando ottenne il denaro stanziato da Regione, Stato e Unione europea e per questo la procura  di Bologna ha ravvisato una truffa. All’epoca dei fatti la cooperativa era presieduta dal fratello di Vasco Errani, Giovanni, e nel 2009 il presidente dell’Emilia Romagna depositò una memoria difensiva in cui, secondo i magistrati, aveva dichiarato il falso. Vasco Errani ha immediatamente ribadito di non aver mai agevolato nessuno: “ho piena fiducia nella magistratura – ha scritto in una nota – e sono certo che nel corso del procedimento emergerà la correttezza dell’operato mio e dell’amministrazione”. Immediata è arrivata al presidente della Regione la solidarietà del Pd e dai parlamentari del partito che esprimono fiducia nell’operato dell’amministratore. Sostegno anche dal Psi.


Riproduzione riservata © 2018 TRC