in:

Non sono ancora stati liberati. Tra loro c’è anche un consulente modenese

Non sono stati ancora liberati gli otto consulenti italiani ostaggio degli operai in sciopero nella fabbrica Cleopatra a Suez, in Egitto. Lo riferiscono fonti vicine alle aziende per le quali gli italiani lavorano. Prosegue comunque la trattativa per il loro rilascio. Gli otto tecnici (quattro dei quali provengono dal distretto ceramico sassolese e reggiano) da cinque giorni sono costretti a rimanere nella sala conferenze dell’azienda, che produce ceramica. Si sono sempre tenuti in contatto telefonicamente con le proprie famiglie e hanno riferito di essere trattati bene dai sequestratori. A casa di Giovanni Gualtieri, l’unico modenese del gruppo di tecnici tenuti in ostaggio, sono comunque ore di apprensione. La moglie ed i figli di Giovanni attendono da un momento all’altro una svolta positiva della vicenda.


Riproduzione riservata © 2018 TRC